Ami da pesca

Ami da pesca: tipologie, caratteristiche ed impieghi

Gli ami da pesca sono fondamentali nel sistema pescante. Punto di collegamento tra pescatore e preda, sono strumenti molto antichi, utilizzati fin dai tempi remoti. All’inizio dei tempi erano realizzati in legno, oppure in ossa di animale, piante spinose o conchiglie. Con il passare del tempo ...

Ami da pesca: tipologie, caratteristiche ed impieghi

Gli ami da pesca sono fondamentali nel sistema pescante. Punto di collegamento tra pescatore e preda, sono strumenti molto antichi, utilizzati fin dai tempi remoti. All’inizio dei tempi erano realizzati in legno, oppure in ossa di animale, piante spinose o conchiglie. Con il passare del tempo materiali e tecniche si sono affinate.

Quando si sceglie un amo è necessario tenere conto della diversità della fauna ittica. La scelta degli ami giusti influenza la riuscita di una battuta di pesca. Grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie e degli studi di settore, oggi gli ami da pesca sono notevolmente migliorati. Con il passare del tempo le dimensioni si sono ridotte, permettendo così al pescatore di emulare sempre più efficacemente, i movimenti naturali dei pesci. Maggiore naturalezza, ha apportato, di conseguenza, ad un maggior numero di abboccate.

Come è fatto un amo da pesca

La struttura di un amo è piuttosto semplice. É formato da sei diversi elementi:

  1. Attacco - Paletta

  2. Filo

  3. Gambo

  4. Curvatura

  5. Punta

  6. Ardiglione

Nella paletta è legata la lenza. Il corpo invece è l’incurvamento dell’uncino. Questo può essere dritto, curvo o doppio per determinate esche artificiali e pesci. Il Gambo invece è l’estensione in lunghezza dell’amo. La punta è la parte terminale dell’amo, mentre l’ardiglione è l’elemento che ha il compito di trattenere il pesce che ha abboccato. Alcune tipologie di pesca prevedono l’uso di ami senza ardiglione (come ad esempio nella Catch & Release), in modo tale che il pesce possa essere rilasciato senza aver subito lesioni pericolose.

Esistono poi particolari tipi di ami da pesca, come le ancorette, che possiedono tre corpi e tre ardiglioni. Le ancorette sono solitamente usate in abbinamento al cucchiaino ed impiegate per pesca di esemplari di una certa dimensione.

Il Filo è chiamato anche “terminale” e rappresenta uno spezzone di lenza più sottile raccordato alla lenza principale dalla girella.

Ami da pesca: i fattori che influenza la scelta

Che si tratti di Ancorette piumate, Ancorette VMC, piuttosto che Ami piumati, o Ami Mustad, la scelta degli ami da pesca, va fatta ponderando diversi fattori:

  • paletta

  • occhiello

  • curvatura

  • svergolatura

  • grandezza

  • filo dell’amo

  • ardiglione

  • autoferrante o non autoferrante

  • gambo lungo o gambo corto

Paletta

Gli ami da pesca con paletta sono utili nelle battute di pesca per prede di dimensioni medio-piccole. Il terminale in questi ami, ha una dimensione piuttosto elevata e per questo non è possibile effettuarvi dei nodi.

Occhiello

Gli ami da pesca con occhiello sono usati per le prede più combattive e resistenti. L’occhiello consente di usare nodi resistenti e giunzioni con terminali importanti.

Curvatura

La curvatura è un fattore determinante per due ragioni: determina il grado di penetrazione dell’amo nell’apparato boccale del pesce e perché dalla sua struttura può dipendere l’utilizzo di esche dalle dimensioni superiori.

Svergolatura

Si tratta del dislivello tra punta e gambo. Dalla svergolatura dipende la definizione di amo “storto”. Per verificarne la presenza basta appoggiare l’amo su una superficie piana e controllare se la punta è rivolta verso l’alto, o verso il basso.

Amo Autoferrante – amo non autoferrante

Gli ami da pesca autoferranti hanno forma di “G”. Si usano per pescare pesci di grosse dimensioni, che dopo aver abboccato, cercano di fuggire velocemente. Non serve ferrata da parte del pescatore. Mentre gli ami non autoferranti si appuntano leggermente dentro la bocca del pesce. In questo caso è necessaria una ferrata energica.

Ami da pesca a gambi lunghi e corti

Gli ami da pesca a gambo lungo si devono preferire per inneschi di vermi, lombrichi ed esche dalla forma allungata. Maggiore è la lunghezza del gambo, minore sarà l’affondo dell’amo nella bocca del pesce.

Gli ami a gambi corti invece sono preferibili nei combattimenti con prede dalle grosse dimensioni, perché l’amo corto tende a penetrare più fondo nella bocca del pesce. Invece non sono molto raccomandati per inneschi di vermi e anellidi.

Grandezza

La grandezza dell’amo dipende dalla dimensione della bocca del pesce da predare. Pesci con bocca troppo piccola, non consentono di usare ami troppo grandi. Inoltre

Altro

Ami da pesca  Ci sono 925 prodotti

per pagina
Visualizzazione di 1 - 12 di 925 elementi
Visualizzazione di 1 - 12 di 925 elementi